Identità autonomia e progetto educativo

AA VV,
FismRoma,
Roma,
1996
Sezione Documenti
Identità autonomia e progetto educativo
Indice: 
  • L'itinerario del convegno
    La Chiesa italiana riafferma l'attenzione alla scuola materna autonoma di Mons. Franco Forconi
  • Una lettera importante. "Cari bambini..." di Giovanni Paolo II. Esame del testo, riflessioni valoriali e di attualità di Don Vincenzo Zani
  • Per una visione cristiana alla luce dell'educazione. I problemi dell'educazione cristiana alla luce dell'enciclica "Evangelium vitae" di Don Aldo Basso
  • La scuola materna autonoma di ispirazione cristiana: indicatori di identità di Luigi Morgano
  • Lo stile di relazione educativa con il bambinodi Sira Serenella Macchietti
  • Una comunità educativa che si fa visibile nelle educatrici, nei rapporti scuola-famiglia, nella parrocchia, nella realtà locale di Rossana Cuccurullo
  • Una proposta di progetto educativo per riflettere di Remo Sissa

Il volume raccoglie gli Atti del Convegno di studio "Scuola materna FISM. Identità, autonomia, progetto educativo", della FISM di Roma, svoltosi dall'8 al 10 settembre 1995, idealmente raccordato e in proseguimento con il Convegno dell'anno precedente.

Il volume, nel raccogliere gli Atti del Convegno, promuove la riflessione sui valori sempre validi che devono trovare posto in un progetto educativo di scuola d'ispirazione cristiana.
Queste prospettive valoriali, supportate dal Magistero della Chiesa, sono proposte dai Contributi di Don Vincenzo Zani e di Don Aldo Basso, per evidenziare la visione cristiana dell'educazione del bambino di scuola materna, attraverso l'analisi/presentazione della Lettera del Pontefice diretta ai bambini in occasione del Natale del 1994 e l'enciclica "Evangelium vitae".
Il contributo di Luigi Morgano intende presentare gli indicatori di identità delle scuole materne d'ispirazione cristiana, andando oltre a quelli "messi a fuoco" dalle recenti disposizioni ministeriali circa la predisposizione e la redazione della "carta dei servizi". Si tratta, allora, di individuare il "proprium" della scuola cattolica e il contributo che ogni singola scuola connotata cristianamente può dare alla sociaetà e alla comunità. Lo stile della relazione educativa, contributo di Sira Serenella Macchietti, si colloca in questa dinamica della connotazione di identità di questa scuola.
Poiché la scuola materna autonoma non è l'unico ambiente con cui il bambino è. chiamato a relazionarsi, il contributo di Rossana Cuccurullo tende a mettere in evidenza le realtà "altre", con le quali e nelle quali la scuola materna interagisce e deve rendersi "visibili" non solo fra le educatrici, ma nel rapprto scuola - famiglia, nella parrocchia e nella realtà locale.
Da ultimo il contributo di Remo Sissa si cala nel contesto delle proposte operative, presentando suggerimenti, proposte, suggestioni che mirano a fornire indicazioni concrete per la stesura e la realizzazione del Progetto educativo, di un progetto che sappia rispondere alle esigenze dell'ambiente, della comunità, dei bisogni educativi dei bambini nella realtà in cui vivono.